.

mercoledì 26 gennaio 2011

Repubblica - Italia Vista da Fuori


Dall'articolo de la Repubblica : Italia vista da fuori


Mi chiamo Nicola ho 34 anni e vivo a Barcelona da piú di 3 anni , decisi di andar via da questa Italia , l’Italia di Berlusconi , che reputo la punta dell’iceberg e di tutta la classe politica in generale che ci governa.
Mi son trasferito nella capitale catalana e quando leggo sul vostro giornale online o nei canali televisivi spagnoli , mi convinco ancor di piú di aver fatto la scelta giusta e piú ancora mi convinco di voler far nascere e far vivere qui i miei figli piuttosto che in un paese dove il proprio primo ministro è visto da una gran parte degli italiani come un figo perché si puó permettere di organizzare orgie con fotomodelle.
Perché quello ancor piú mi inorridisce è leggere e sentire commenti da parte di quelli che si reputano italiani come : “se tu fossi al suo posto non lo faresti?” o “beato lui che se lo puó permettere” , Vogliamo scherzare ? Essere orgogliosi del primo rappresentante di Stato Italiano che infrange la legge?
Ammetto che anche in Spagna , ci sono polemiche riguardante la classe politica , soprattutto per la situazione di crisi economica che grava sulla Spagna , ma mai e poi mai si permetterebbe a Zapatero o a Rajoi(capo dell’opposizione) o a qualsiasi altro ministro di poter decidere le sorti di un paese con la consapevolezza di essere a conoscenza di tutta una serie di conflitti di interessi a suo favore o dei processi ancora in corso o di coinvolgimenti in giri di prostituzione minorile o non che fosse , questo in Spagna è impensabile ;
per il momento nel paese iberico esistono ancora dei politici , con i loro pro e contro , ma non dei pagliacci che fanno le corna , che con la scusa di una battuta divertente screditano omossessuali , donne e persone abbronzate .
Se Zapatero o qualcun altro provasse a fare una sola battuta di quelle che lui considera “umoristiche” nei confronti di una donna , verrebbe aggredito non solo da tutte le ministre e politiche spagnole , perché qui in Spagna le donne fanno politica e lo fanno anche bene , non hanno bisogno di quote rosa o come direbbe il vs premier di fare una “politica orizzontale” per poter arrivare in parlamento , ma verrebbe aggredito dall’intera nazione e buttato a calci nell’oceano.
Parlando con amici spagnoli e non , ogni qualvolta esce fuori l’ennesimo scandalo , ma nei casi della D’Addario , Ruby e Noemi non voglio definirli scandali ma pagliacciate , al pari delle scentte dei film di Alvaro Vitali, perché gli scandali che riguardano il vostro premier sono quelli Mills , Mondatori , Conflitti d’interesse , etc ..sapete cosa mi chiedono ?
Ma scusa ma perché lo votano ?
Che gli si puó rispondere a questa domanda? Allargo le braccia , sospiro senza riuscire a dare una risposta.
Quando racconto tutti gli scandali che in questi ultimi anni hanno riguardato l’Italia e in primo luogo Silvio Berlusconi , tutte le persone non italiane ti guardano come per dire sta parlando dell’Italia? , quel famoso paese invidiato da tutti per la sua arte , per il suo stile , per la classe , per la sua cultura o questo qui ci sta raccontando di un isola sperduta del Pacifico , rimangono stralunati , increduli !
E ogni 2 minuti devo ribadire che non sto parlando ne di Marte ne di Saturno ma dell’Italia , che non sto raccontando una storia di un romanzo criminale ma i fatti reali del nostro primo ministro….e che si tratta di pura realtà!
Ricordo quando circa 13 anni fa feci un esperienza a Londra e ricordo quando ci etichettavano con i soliti : Italiano!! Pizza ! Spaghetti ! Mafia!! Adesso dopo 13 anni mi devo invece sentir eticchettare : Italiano!!! Berlusconi!! ,
L’Italia non è piú il paese della pizza e degli spaghetti ma è Berlusconi e dico la veritá preferivo che mi identificassero come mafioso piuttosto che come Berlusconi .
Scopro poi parlando con i miei familiari in Italia , che ho piú notizie io qui che loro in Italia , perché oramai nelle TV e nei giornali Spagnoli , non aspettano altro che la nuova , scusatemi il termine cazzata di Berlusconi per farsi due risate , la attendono con ansietá come noi italiani aspettavamo con ansia i le 18.00 di domenica per poter vedere i gol della gionata di campionato.
L’Italia ha perso credibilità , ricordo quando dopo l’affermazione sulla politica rosa di Zapatero da parte di Berlusconi , un programma spagnolo chiese ad alcuni politici spagnoli un opinione sulla dichiarazione , ebbene tra le tante critiche ricordo un ministro che con fare schifato dichiaró : Pero Berlusconi no es un mafioso? (peró Berlusconi non è un mafioso?)…come per dire …che cavolo cé da rispondere a una persona del genere?
Tutta Spagna sa che Berlusconi è un poco di buono , da queste parti per gli scandali di Noemi e l’ultimo di Ruby ridono , ridono di noi , ridono di noi perché pensano poveri italiani guarda un poco da chi gli tocca esser governati ma sanno benissimo anche di tutte le manfrine che ha compiuto negli anni , si perché a Barcelona , ma all’estero in generale , si conoscono piú notizie in merito alle vicende e alla vita di Berlusconi che in Italia , perché qui non esistono filtri e tutte le notizie che da voi vengono nascoste dai telegiornali italiani qui no (ricordiamo che siamo nei settantesimi posti per libertá di stampa).
Purtroppo ripeto Berlusconi è la punta di un iceberg è lo specchio dell’Italia , di questa Italia e di una cosa bisogna dargli ragione quando dichiara che lui è al governo leggitimamente perché gli italiani lo hanno votato , ha ragione , ha perfettamente ragione , infatti rappresenta perfettamente gli italiani di adesso .
Voglio precisare che io sono stato uno dei milioni di italiani che nel 1994 hanno votato Berlusconi perché vedevo in lui un cambiamento una forza nuova e d’avanguardia , lo stesso errore che fece mio nonno quando pensó che con Mussolini avrebbe risollevato le sorti dell’Italia , lo stesso identico errore !
Mio nonno vide poi le macerie del dopo guerra , voi non só sempre che i conti che questo governo di bugiardi siano corretti (Grecia Dicktat) e non siano stati in tutti questi anni nascosti , per poi comparire quando i colpevoli saranno giá tranquilli e beati nelle ville alle Antille e gli italiani nuovamente sotto le macerie.
Spero che gli italiani possana alzare la testa e comportarsi come debbano comportarsi da Italiani e non da italiani.
Nicola Cabras

2 commenti:

  1. io vivo qui da 20 anni ormai e ti dico caro nicola che la spagna non e meglio,non voglio fare discorsi campanilistici ,ma la verita e ceh il sistema qui funziona certamente meglio del nostro , non e poi cosi difficile ma propio per questo e per una grandissima censura sull informazione qua dico sembra che vada tutto bene.
    anche se ce il doppio di disocupati,ci sono gli stessi ladri tanta corruzione ma la grande differenzza e l informazione qui non lo sai ,e se lo sai danno la notizia poi fine.Con questo non voglio salvare Silvio anzi ti do ragione su tutto ,pero ho notato in questi anni la grande predisposizione di noi italiani a credere che l erba del vicino sia sempre piu verde,molto spesso non e cosi ,molte volte semplicemente ,la dipingono di verde.

    RispondiElimina
  2. Ciao Grazie per il tuo commento, da questo mio post sono passati oramai 5 anni (credo.) , oramai sono 8 che vivo in Spagna. Hai ragione qui le cose non sono certo rose e fiori come molti media vogliono dipingerle ma , parlo del caso di Barcelona, citta in cui vivo , la vita e le opportunitá di un cittadino a mio modesto parere riultano essere migliori che in Italia.Non lo dice soltanto un povero ex cittadino di Cagliari venuto qui in" cerca di fortuna", ma tanti altri italiani che vivono nella cittá catalana e che proprio qui continuano a lavorare e/o a gestire una propria attivitá.É vero vivere in Spagna ha i suoi pro e i suoi contro cosí come in Italia, ma per quanto mi riguarda la vita in Spagna ha molti piú pro che l'Italia e meno contro rispetto all'Italia, ció non vuol dire che la Spagna sia il paradiso , assolutamente , ripeto a mio modesto parere , la Spagna di oggi é un posto migliore per vivere rispetto all'Italia.

    RispondiElimina